Gli attuali stili di vita sono caratterizzati da alti livelli di stress che spesso non si sa come gestire. Tutti riconosciamo gli effetti dannosi dell’eccesso di stress e li sentiamo serrarci la mandibola, accorciare il respiro, appesantirci il petto, contrarre i muscoli del collo e tanto altro ancora.

Quello che accade a livello emotivo e mentale si incarna e dalle nostre tensioni e spesso posture distorte si possono leggere le nostre ansie e preoccupazioni.

A volte lo stress diventa ansia, e la domanda spesso ricorrente è: “può l’ansia produrre tutto questo?” Si va dalle extrasistoli all’ipertensione, dal semplice nodo alla gola a veri sintomi gastro-intestinali,vertigini, contratture, tensione muscolare, debolezza e affaticabilità, insonnia.

Poiché spesso le cause dello stress sono al di là del nostro controllo cosciente quello che possiamo fare è agire e lavorare sul corpo per abbassare i livelli di attivazione, ridurre l’agitazione e la tensione muscolare, liberare il respiro.

Il metodo Feldenkrais aiuta a gestire i meccanismi distruttivi di ansia e stress poiché insegna alle persone una attenzione sana e lenta che piano piano induce un profondo rilassamento. Il Feldenkrais è un metodo di educazione al movimento e il focus resta comunque l’apprendimento, ciononostante le persone imparano a ridurre la tensione muscolare e gli sforzi superflui spesso all’origine di contratture e dolori. Imparano che per imparare occorre abbassare il livello del tono muscolare, riconciliarsi con se stessi e avere un atteggiamento giocoso che  non pretende.

 

 Cookie

Condividi

Carrello